Terapia del dolore

Lombalgia

Lombalgia è un termine generico per identificare il dolore a livello del dorso e dei lombi. Si tratta di una condizione diversa rispetto alla lombosciatalgia, che si contraddistingue invece per l’irradiazione del dolore fino alla gamba, che può essere coinvolta totalmente o solo in parte. In questi frangenti, alla base c’è un interessamento del nervo sciatico.

Tornando alla lombalgia, ricordiamo che circa l’80% della popolazione mondiale, almeno una volta nella vita, è interessata da questa condizione. Quali sono i fattori di rischi? Ecco i principali:

  • Postura
  • Traumi sportivi
  • Carico eccessivo sulla zona lombare.

Come trattarla e come gestirla in caso di cronicità

Quando si parla di trattamento della lombalgia , è bene ricordare innanzitutto che è molto raro il ricorso all’intervento chirurgico. Il motivo è legato al fatto che le ernie discali a livello lombare vanno incontro a un processo di guarigione spontanea nell’arco di 4 – 6 settimane.

Nei casi in cui si concretizza l’intervento, si procede con un approccio microchirurgico con bassissimi rischi di complicazioni. Degno di nota è anche il caso della lombalgia cronica, ossia il quadro in cui il dolore alla schiena si prolunga per più di 6 settimane. In questi frangenti, che possono essere contraddistinti anche da un forte disagio psicologico, è necessario procedere con la terapia del dolore, che prevede soprattutto il ricorso alla denervazione delle faccette articolari.